Medyfit logo
Medyfit logo

LASTRA, ECOGRAFIA O RISONANZA? SCOPRIAMO LE DIFFERENZE

14/11/2022 - Scritto da: Dott. Tommaso Cusimano

Lastra, ecografia e risonanza: quando sceglierle? Scopriamolo assieme!

La radiografia (o lastra) è una “fotografia” degli organi interni che sfrutta la capacità dei tessuti di assorbire le radiazioni. Queste vengono emanate da una sorgente radiogena che investe e attraversa il nostro corpo andando poi a impressionare una pellicola radiografica bersaglio (simile a quella fotografica). La diversa capacità di assorbimento delle radiazioni dipende dalla differente densità e composizione del tessuto.
Tessuti ad alta densità o radiopachi (come le ossa) hanno maggior capacità di assorbimento e trattengono le radiazioni quasi completamente risultando bianchi alla radiografia. Tessuti a media intensità (muscoli, arterie e vene) assorbono solo in parte i raggi X colorandosi in una scala di grigi. Infine tessuti a bassa intensità o radiotrasparenti (ovvero i polmoni che contengono aria) avranno un assorbimento minimo e appariranno neri.
La lastra risulta quindi essere un’indagine indicata principalmente nello studio delle ossa, chiarendo in base al profilo del tessuto se ci sono anomalie rilevanti (fratture o alterazioni). Nel torace viene invece utilizzata per escludere anomalie polmonari. Essendo queste radiopache rispetto all’aria macchierebbero di bianco il nero che ci aspettiamo di vedere all’RX polmonare (broncopolmoniti, pleuriti).

L’ecografia è invece una tecnica diagnostica che si serve degli ultrasuoni. Questi non sono altro che onde che si propagano nel corpo a velocità differenti in base al tipo di tessuto attraversato. La resistenza dei tessuti agli ultrasuoni si chiama impedenza. Aria e acqua hanno bassa impedenza (ipoecogeni), grasso, muscolo e fegato intermedia mentre nell’osso la resistenza è altissima (iperecogeno). In base alla diversa impedenza i tessuti possono riflettere l’onda (torna indietro) o rifrangerla (viene assorbita). Il fascio riflesso si definisce “eco”. Nella fase di ritorno l’eco colpisce la sonda generando un segnale elettrico poi elaborato in tempo reale nell’immagine che vediamo al monitor. L’ecografia risulta interessante per le indagini dinamiche e appropriata nello studio di molti organi (fegato, pancreas, milza, apparato urinario e ginecologico). È poi specifica nel valutare ghiandole e tessuti molli come tiroide e mammelle, studiare muscoli, tendini e articolazioni e indagare lo stato dello sviluppo del feto durante la gravidanza (ecografia ostetrica prenatale).
L’ecografia rappresenta un esame vantaggioso poichè ripetibile (non è invasivo per l’assenza di raggi X) e precoce (risulta rapida rispetto a indagini come la risonanza). La competenza di chi esegue l’esame unita alla variabilità di ecografi disponibili sul mercato rendono però questa metodica fortemente operatore dipendente.

Per finire la risonanza è l’esame che fornisce le immagini tridimensionali dei tessuti a più alta qualità sfruttando le onde radio prodotte da un grande magnete.
I suoi campi di applicazione sono numerosi (neurologico, cardiologico, respiratorio, muscoloscheletrico, gastroenterico e uroginecologico) e utili anche in ambito oncologico. È un esame sicuro che risulta controindicato solo in presenza di oggetti metallici (protesi, pacemaker, apparecchi acustici, suture, clip metalliche, ..), nel primo trimestre di gravidanza o verso soggetti claustrofobici.
La RMN è un esame oneroso (il magnete è costoso e la manutenzione dispendiosa) e con tempi di somministrazione elevati rispetto alle indagini prima descritte. Per tale motivo, qualora interessati a usufruire delle convenzioni del sistema sanitario nazionale, necessita della prescrizione di un medico specialista.

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta aggiornato sulle nostre novità e promozioni

Cookie

Questo sito web utilizza cookie di terze parti

X - CHIUDI
Questo sito utilizza cookie tecnici anonimi per garantire la navigazione e cookie di terze parti per monitorare il traffico e per offrire servizi aggiuntivi come ad esempio la visualizzazione di video o di sistemi di messaggistica. Senza i cookie di terze parti alcune pagine potrebbero non funzionare correttamente. I cookie di terze parti possono tracciare la tua attività e verranno installati solamente cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookie". Puoi cambiare idea in ogni momento cliccando sul link "Cookie" presente in ogni pagina in basso a sinistra. Cliccando su uno dei due pulsanti dichiari di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettarne le condizioni.
Maggiori informazioni